IL SEGGIOLINO AUTO ANTI-ABBANDONO DIVENTA OBBLIGATORIO
ottobre 25, 2018
PC non si avvia - ragazza disperata
Il PC non si avvia?
novembre 8, 2018

LA PRIMA SMART ISLAND DI RENAULT- ENERGICAMENTE INDIPENDENTE

Photo by Joao M Faria

Renault si è impegnata a trasformare l’isola di Belle-Île-en-Mer, in Francia, in una vera e propria smart island. Si tratta di una vera e propria comunità interamente indipendente sotto l’aspetto energetico. Un piccolo paradiso liberato dalla piaga dell’inquinamento.

Si tratterà di un processo lungo, che richiederà due anni di lavoro, secondo le iniziali stime. In questi ventiquattro mesi la compagnia automobilistica s’impegnerà a modificare l’ecosistema isolano. Al giorno d’oggi Belle-Île-en-Mer si affida a dei generatori e soprattutto cavi sottomarini per riuscire a soddisfare il fabbisogno energetico di tutta la popolazione.

Un sistema che non solo contribuisce alle emissioni di anidride carbonica ma paga anche un prezzo salato per la corrente.
La rivoluzione di Renault metterà la parola fine a tutto questo. Un progetto decisamente ambizioso, ogni singolo edificio dell’isola che verrà dotato di pannelli solari che alimenteranno le scuole fornendo l’energia necessaria per la luce e il riscaldamento ma serviranno anche ad alimentare la flotta di Renault Kangoo ZE elettrici che verrà messa a disposizione degli abitanti sotto forma di servizio di ride-sharing.
L’installazione dei pannelli solari prevede però anche la presenza di accumulatori, al fine di garantire un pieno supporto anche quando il sole non è alto in cielo. Per questo si sfrutteranno quelle batterie non più adatte ad alimentare un’auto, ma non per questo non in grado di immagazzinare energia.

Piena autonomia dunque, anche se quando si parla di smart city generalmente si fa riferimento anche alla fornitura di tutta una serie di servizi realizzabili via Internet e che non sono previsti nel progetto di Belle-Île-en-Mer, il quale quindi forse non corrisponde appieno all’idea di smart island che spontaneamente verrebbe in mente. Il progetto riguarda solamente la creazione di un’isola energicamente indipendente.

Oltre a rappresentare un’ottima chance pubblicitaria per Renault, questo sperimento offrirà la possibilità di studiare al meglio una realtà che potrebbe essere quella cui affidarsi nel mondo in un futuro prossimo. Le fonti d’energia alternativa possono garantire elevati standard qualitativi, liberandoci del problema delle risorse esauribili.